Belarus Daily | 28 apr

Scandalo scoppiato in Svezia a causa di accordi con le autorità bielorusse; British American Tobacco continua a sponsorizzare il regime di Lukashenko; cosa scrivono i prigionieri politici nelle loro lettere

28 aprile 2021 | Voice of Belarus
Progetto fotografico «Lettere ai prigionieri politici».
Source: photo: zmagarskiy_a_photography, BELSAT

Uno scandalo è scoppiato in Svezia a causa di accordi con le autorità bielorusse

Il canale televisivo svedese TV4 ha mandato in onda un’indagine giornalistica sulla cooperazione della Svezia con le organizzazioni bielorusse. La Svezia ha sostenuto le sanzioni commerciali dell’UE, ma come si è scoperto, alla fine di settembre, il governo svedese ha improvvisamente deciso di sostenere un accordo multimiliardario con le imprese statali bielorusse. L’agenzia di credito svedese (EKN) ha assicurato un prestito per la transazione tra la società svedese SIEMENS Energy AB e le imprese statali bielorusse «Minskenergo» e «Brestenergo». Grazie al clamore, l’Agenzia è stata costretta a congelare l’affare per ulteriori procedimenti. L’indagine è stata avviata dagli attivisti della diaspora bielorussa in Svezia e dalla Gestione popolare anticrisi, guidata da Pavel Latushko.

Source: Tv4.se

British American Tobacco sponsorizza il regime di Lukashenko

I bielorussi di Londra hanno tenuto una manifestazione davanti alla sede della British American Tobacco. BAT è il partner principale della fabbrica di tabacco «Neman», controllata dallo Stato e da uno dei principali portafogli del regime, Aliaksei Aleksin. La BAT chiude un occhio sulle violazioni dei diritti umani in Bielorussia e nella fabbrica «Neman», nonché sul fatto che il regime trae profitto dal contrabbando dei suoi prodotti in Europa.

Nonostante i ripetuti appelli, BAT rifiuta di avviare un dialogo con le forze democratiche bielorusse.

La medaglia d’argento olimpica Andrei Krauchanka ha iniziato lo sciopero della fame

Andrei Krauchanka, medaglia d’argento olimpica nel decathlon, per aiutare le famiglie dei prigionieri politici, ha messo all’asta la sua medaglia d’oro ai Campionati Europei 2011 ed ha dichiarato uno sciopero della fame di dieci giorni.

“Mi spaventa che gli arresti siano diventati una quotidianità, una routine. Invece, in questo momento, dietro le sbarre si trovano persone vere: queste sono le loro vite reali, sono le vite spezzate delle loro famiglie. Nessuno può restituire loro quel tempo, non potrà mai essere recuperato. E non posso accettarlo», ha scritto Krauchanka.

Krauchanka è uno dei firmatari della lettera degli atleti contro la violenza delle forze dell’ordine e per le nuove elezioni, ha più volte partecipato a marce di strada nel 2020, ha trascorso 10 giorni in carcere.

Andrei Krauchanka.
Source: Reformation

Cosa scrivono i prigionieri politici nelle loro lettere

Attualmente ci sono 358 prigionieri politici in Bielorussia. Migliaia di persone che non restano indifferenti scrivono loro. Nelle risposte, i prigionieri politici parlano delle loro preoccupazioni e delle condizioni di detenzione. Molti non si scoraggiano, ma c’è anche chi perde la salute mentre è in prigione per accuse inventate.

Aliaksei Ramanau di Gomel è stato condannato il 16 dicembre 2020 per presunto «insulto al presidente». Nonostante la sua malattia oncologica, è stato condannato a un anno di prigione. Soffre di forti dolori. Durante un consulto con un oncologo, è stato rivelato un nuovo tumore. Tuttavia, poiché Aliaksei è stato inserito nel registro preventivo come incline all’estremismo, difficilmente può contare sulla libertà condizionale. «Ad essere sincero, sono così stanco di questi dolori, che preferirei morire…», ha scritto Aliaksei.

Aliaksei Gubich, un musicista di 24 anni di Gomel, è stato condannato a tre anni di prigione. Ha una rara malattia degli occhi che richiede un intervento chirurgico. Se l’operazione non viene eseguita in tempo, la malattia porterà alla cecità. L’operazione doveva essere eseguita nell’autunno dello scorso anno. «Ma ora è in prigione. E senza cure, diventerà semplicemente cieco», ha detto la madre di Aliaksei.

Source: TUT.BY