Belarus Daily | 19 feb

Il processo ad Artsiom Sarokin e Katsiaryna Barysevich è divenuto all’improvviso un dibattito a porte chiuse; gli avvocati dei prigionieri politici sono stati privati delle proprie licenze; le autorità dichiarano che lo stesso Taraykouski è stato colpevole della propria morte; il testimone dell’omicidio rischia 10 anni di carcere e l’assassino partecipa al processo come vittima

19 febbraio 2021 | BYHelp-Mediagroup
Artsiom Sarokin e Katsiaryna Barysevich. Foto di Volha Balai.
Source: instagram.com/rumadelima

Il processo ad Artsiom Sarokin e Katsiaryna Barysevich è diventato all’improvviso un dibattito a porte chiuse; Anche alla madre di Raman Bandarenka è stato chiesto di lasciare l’aula del tribunale

Artsiom Sarokin e Katsiaryna Barysevich.
Source: TUT.BY

È iniziato oggi il processo alla giornalista TUT.BY Katsiaryna Barysevich e al medico Artsiom Sarokin. Il medico e la giornalista rischiano fino a tre anni di reclusione. La base per il procedimento penale è stata la pubblicazione della giornalista in cui vengono citate le parole del dottore sull’assenza di alcol nel sangue del picchiato a morte Raman Bandarenka. Ma le autorità insistono che Raman Bandarenka fosse ubriaco. L’ufficio del procuratore ha definito segreto medico la pubblicazione dei risultati dello studio che smentisce questa deposizione, sebbene i parenti di Bandarenka non abbiano pretese sulla divulgazione dei dati. Durante il processo, il giudice ha deciso che il caso sarebbe stato ascoltato a porte chiuse. Ciò significa che la società non potrà sapere la verità su quale sia esattamente il crimine della giornalista e del medico che hanno raccontato la verità sulle condizioni di Raman Bandarenka. I presenti hanno risposto alla decisione della corte di chiudere il processo con il grido di «Vergogna!» Ai giornalisti dei media non statali è stato negato l’accreditamento per il processo; alle agenzie statali bielorusse e a diverse agenzie russe è stata data l’opportunità di lavorare in aula. Circa 200 persone sono venute a sostenere gli accusati, tra cui i loro parenti e colleghi, la madre di Raman Bandarenka Elena, i dipendenti delle ambasciate statunitense, tedesca, francese, nonché la missione dell’UE in Bielorussia. «Certo, mi aspetto di assistere all’udienza, ecco perché sono qui. Credo che Katsiaryna e il dottor Sarokin non abbiano violato nulla, il permesso è stato dato da me. Da persona ottimista, spero che la giustizia prevarrà. Anche se, come dimostra la prassi del tribunale, persino negli ultimi giorni, giustizia non c’è», ha detto la madre di Raman, Elena Bandarenka. I medici dell’Ospedale di pronto soccorso e di altri ospedali sono profondamente indignati per il processo al loro collega. «L’impressione è che nessuno abbia bisogno di noi, indipendentemente dalla nostra esperienza, conoscenza, qualifica», dicono i dottori.

È colpa sua se è morto: Non sarà avviato alcun procedimento penale sul caso dell’omicidio di Taraykouski dalle forze dell’ordine

Il momento dell’omicidio di Aliaksandr Taraykouski, il 10 agosto 2020.
Source: TUT.BY

Il comitato investigativo della Bielorussia si rifiuta di indagare sull’omicidio di Aliaksandr Taraykouski, che è stato colpito dalle forze dell’ordine durante le proteste il 10 agosto 2020. I rappresentanti del comitato investigativo hanno dichiarato che egli stesso è stato colpevole della propria morte, perché avrebbe provocato le forze dell’ordine. Il Presidente del comitato investigativo della Bielorussia Ivan Naskevich ha raccontato che Taraykouski era ubriaco. Si è allontanato dalla folla dei manifestanti, ha ignorato i numerosi avvertimenti degli agenti delle forze dell’ordine e si è diretto verso di loro. Essi hanno visto ciò come una vera minaccia per la propria vita e incolumità. Hanno sparato con armi non letali per fermare il manifestante. Ma a causa di una serie di coincidenze, una delle ferite si è rivelata fatale. Aliaksandr Taraykouski è morto immediatamente sul posto. Secondo la moglie di Aliaksandr, prima di uscire di casa egli era sobrio, del fatto che fosse ubriaco lei non era stata informata. La donna è sicura che prima o poi la giustizia prevarrà e i responsabili della morte del marito saranno puniti.

Il testimone dell’omicidio di Henadz Shutau rischia di essere incarcerato per 10 anni

Alyaksandr Kardzyukou.
Source: BELSAT

L’11 agosto 2020, nella città di Brest, è stato sparato a Henadz Shutau. Il suo amico Alyaksandr Kardzyukou era accanto a lui. Ora egli è accusato di tentato omicidio di un soldato.

Nella prima sessione del tribunale, il 16 febbraio 2021, è stato annunciato il nome del soldato che ha ucciso Shutau. Però, Raman Gaurylau ha partecipato a questo processo come vittima.

Il procuratore chiede di punire Kardzyukou con 10 anni di prigione e riconoscere colpevole l’assassinato Shutau, senza imporre alcuna condanna (post mortem). Secondo le indagini, Kardzyukou avrebbe ucciso il militare con un tubo di metallo. Tuttavia, nella video registrazione delle telecamere di sorveglianza si vede bene che Kardzyukou non attacca nessuno con questo tubo. Quando è scoppiato il conflitto, Kardzyukou è caduto e, cadendo, ha sfiorato la coscia del militare con il tubo, quindi i militari hanno diretto le pistole contro Shutau e Kardzyukou. Dopo il primo colpo, Shutau si è messo a correre precipitosamente, dopo di che è stato ferito a morte alla testa. Alyaksandr Kardzyukou ha sottolineato di non sapere chi fossero veramente i militari. Quel giorno, erano vestiti con abiti civili, le pistole erano riposte nei marsupi. Il coinvolgimento delle forze armate per disperdere le manifestazioni pacifiche non è consentito dalla legge della Repubblica di Belarus. Non è la prima volta che le autorità bielorusse si rifiutano di avviare casi di omicidio di partecipanti alle proteste per mano delle forze dell’ordine.

L’avvocato di Maria Kolesnikova e tre dei suoi colleghi sono stati privati delle licenze

Lyudmila Kazak.
Source: TUT.BY

L’avvocato di Maria Kolesnikova, Lyudmila Kazak, così come i noti avvocati Kanstantsin Mikhel, Mikhail Kirylyuk e Maxim Konan sono stati privati dalla licenza di avvocato per presunti reati amministrativi.

Il 24 settembre 2020, Lyudmila Kazak è stata rapita direttamente dalla strada e portata alla polizia, dove è stata condotta una perquisizione corporale. Ha trascorso la notte nella cella di detenzione temporanea di Okrestsina e il tribunale l’ha dichiarata colpevole di essersi opposta alle richieste degli agenti di polizia al momento dell’arresto. Per quanto riguarda gli avvocati Mikhel e Konan, invece, è stato inteso reato amministrativo la partecipazione alle manifestazioni pacifiche. L’avvocato Mikhail Kirylyuk è stato privato della licenza per aver pubblicato su Internet delle dichiarazioni pubbliche verso i rappresentanti di organi statali. I rappresentanti della comunità degli avvocati ritengono che l’arresto e la responsabilità amministrativa di Lyudmila Kazak siano legati esclusivamente alla sua attività professionale di avvocato, al lavoro su casi di alto profilo, in particolare al caso di Maria Kolesnikova. Si tratta del quarto avvocato di Maria Kolesnikova che ha subito rappresaglie a causa della propria attività: Ilya Saley è agli arresti domiciliari, Maxim Znak è in custodia, Aliaksandr Pylchenka è stato privato della licenza.


For more information on the events of 19 February 2021, please visit Infocenter Free Belarus 2020: