Belarus Daily | 19 nov

Rivendicazione per la verità su Raman Bandarenka, legge sulla privazione della cittadinanza bielorussa, l’amministrazione della Belaruskali inganna i suoi partner internazionali

19 novembre 2020 | BYHelp-Mediagroup
Persone in fila per consegnare pacchi ai propri parenti arrestati.
Source: Radio Free Europe

È stato aperto un procedimento penale contro un medico che ha affermato che Bandarenka era sobrio, la giornalista che ha pubblicato questo materiale è stata arrestata 

Nessun procedimento penale è stato aperto per la morte di Raman Bandarenka. Tuttavia, l’ufficio del procuratore generale ha avviato un procedimento penale causa trasmissione dei risultati della visita medica a Bandarenka. Dopo la morte di Raman, gli organi statali e Lukashenko personalmente hanno annunciato che Raman era ubriaco. Tuttavia, il certificato medico indica che non c’era alcol nel sangue del ragazzo.

Oggi, il medico che ha trasmesso il certificato ai giornalisti è stato arrestato con l’accusa penale di divulgazione di dati medici (al riguardo, un caso del genere può essere avviato solo su richiesta dei parenti). Sempre oggi, Alena Bandarenka, madre di Raman Bandarenka, ha consegnato ai giornalisti una copia delle analisi del sangue di suo figlio. Questo documento afferma che l’alcol nel sangue del defunto è pari a 0 ppm. Alena Bandarenka ha sottolineato che acconsente alla diffusione di questi dati. 

Anche la giornalista di TUT.BY Ekaterina Borisevich, che stava indagando sui dettagli della morte di Raman Bandarenka, è stata arrestata. È stata fermata mentre si recava a fare spese.

Source: Facebook di Ekaterina Borisevich

Il 20 novembre 2020 si terrà il funerale di Raman Bandarenka.

Source: TUT.BY

Le autorità avranno il diritto di privare i bielorussi della cittadinanza

I parlamentari hanno approvato gli emendamenti alla legge sulla cittadinanza. In particolare, gli emendamenti affermano che un cittadino bielorusso potrebbe perdere la cittadinanza a causa della partecipazione «ad attività terroristiche e altre attività estremiste o per aver causato un grave danno agli interessi della Bielorussia». La regola sulla perdita della cittadinanza bielorussa non si applicherà ai cittadini della Bielorussia nati nel territorio attuale della repubblica o che erano cittadini dell’ex Unione Sovietica e hanno ricevuto la cittadinanza bielorussa. 

Va notato che i termini «estremismo» e «terrorismo» sono spesso utilizzati dalle autorità bielorusse per accusare i dissidenti.

Source: 1prof.by

Belaruskali ha licenziato 49 lavoratori, si intensifica la pressione sui lavoratori in sciopero e sulle loro famiglie

La Belaruskali ha licenziato 49 lavoratori che hanno preso parte allo sciopero e ha annunciato l’adozione di misure simili per i lavoratori che aderiranno allo sciopero in futuro.

Allo stesso tempo, durante una conversazione con la direzione della compagnia norvegese YARA, il direttore generale della Belaruskali Ivan Golovaty ha mentito sul fatto che i licenziamenti, le repressioni, la pressione senza precedenti sui lavoratori e sulle loro famiglie, le perquisizioni negli appartamenti e la privazione delle abitazioni sono finzioni e non corrispondono alla realtà. Ha detto inoltre che è pronto a riassumere i lavoratori che si trovano in stato di assenteismo involontario. 

Il Comitato di sciopero della Belaruskali dichiara ufficialmente: «Nessun passo verso i lavoratori dell’impresa e i rappresentanti legali del comitato di sciopero è stato compiuto dalla leadership della Belaruskali. Continuano le violazioni dei diritti fondamentali dei lavoratori e delle loro famiglie».

Il 13 novembre, i membri del Comitato di sciopero e gli abitanti della città hanno organizzato un’escursione nella patria dell’eroe nazionale Tadeush Kostiushko. Come risultato di questa escursione, tutte le famiglie con figli minori, nonché la guida e l’autista sono state arrestate. Sono state presentate loro accuse inventate e al di fuori della legge. Secondo i dipendenti del dipartimento degli affari interni del distretto di Ivatsevichi, l’autobus con i partecipanti era stato inseguito sin dal luogo di partenza. Ma la cosa più interessante è iniziata la notte dopo l’arresto. Durante la notte, i dipendenti del dipartimento delle risorse umane dell’impresa sono stati portati urgentemente dai detenuti nel centro di isolamento temporaneo di Ivatsevichi. Secondo le istruzioni di Golovaty i suddetti dipendenti hanno iniziato a costringere i detenuti a firmare un mandato di licenziamento. Tutto questo nelle camere del centro di detenzione, alla presenza di poliziotti che filmavano l’intero processo con una videocamera. Sotto pressione, alcuni dei detenuti hanno firmato il mandato. 

Così Golovaty sta semplicemente ingannando i partner commerciali dell’impresa, che rispettano la loro reputazione aziendale e si rifiutano di collaborare con aziende che violano i diritti dei lavoratori. Golovaty ha anche dimenticato di menzionare che molti dipendenti della Belaruskali sono stati privati di incentivi sotto forma di bonus e indennità contrattuali per aver espresso la loro posizione civile. Molti sono stati multati, alcuni sono stati incarcerati più di una volta.

Source: TUT.BY

L’UE non darà più un solo euro al governo di Lukashenko

I ministri degli esteri dei 27 Paesi dell’UE hanno deciso di preparare un nuovo pacchetto di sanzioni contro le autorità e le istituzioni della Bielorussia. Ha affermato così giovedì scorso il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell. Borrell sostiene che l’UE non stanzierà più un solo euro per il governo di Lukashenko. Tutti i fondi andranno attraverso le ONG alla società civile.

Source: TUT.BY

For more information on the events of 19 November 2020, please visit Infocenter Free Belarus 2020: