Belarus Daily | 25 feb

All’ONU è stato presentato il rapporto sui diritti umani in Bielorussia; l’UE ha prorogato le sanzioni e gli Stati Uniti prevedono di inasprirle; Henadz Shutau, ucciso dalle forze dell’ordine, è stato dichiarato colpevole e il testimone dell’omicidio è stato condannato a 10 anni di carcere

25 febbraio 2021 | BYHelp-Mediagroup
Valiantsina Yashchanka di Kalinkovichi, proprietaria di questo cortile con un murale, è stata multata dalla corte con 10 unità di base (circa 90 euro).
Source: t.me/belarusseichas

L’UE ha prorogato le sanzioni contro il governo e le imprese bielorusse, il Congresso degli Stati Uniti ha chiesto un aumento delle sanzioni

Le sanzioni sono prorogate per un altro anno. Sono applicate a 88 persone, compreso Lukashenko e sette società. Le misure restrittive includono il divieto di viaggio nell’UE e il congelamento dei beni.

A sua volta, la Commissione Affari Esteri della Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità una risoluzione che chiede l’aumento delle sanzioni precedentemente imposte contro la Bielorussia.

L’ONU ha presentato un rapporto sulla situazione dei diritti umani in Bielorussia

L’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet, alla 46° sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha presentato un rapporto sulla situazione dei diritti umani in Bielorussia nel contesto delle elezioni presidenziali del 2020. Afferma che le azioni delle autorità bielorusse prima e dopo le elezioni, volte a limitare i diritti alla libertà di opinione e di espressione, di riunione pacifica e di associazione, nonché il diritto di partecipare alla vita politica, hanno portato a una crisi senza precedenti nel settore dei diritti umani in Bielorussia.

Gli organi di indagine preliminare hanno ricevuto oltre 4.600 denunce sull’uso di forza fisica e attrezzature speciali da parte di rappresentanti del Ministero dell’interno durante la dispersione delle proteste.

Il capo della missione diplomatica bielorussa Yury Ambrazevich ha detto che il suo Paese «non riconosce la risoluzione» in base alla quale il rapporto è stato preparato e «non è d’accordo con il fatto stesso della sua considerazione». Ambrazevich ha sottolineato che il fatto stesso di considerare questo rapporto è «una grave violazione del principio di non ingerenza». Secondo il rappresentante permanente bielorusso, il rapporto non contiene una parola sul quadro oggettivo del carattere di massa delle proteste: «100, massimo 200 manifestanti per 2 milioni di abitanti della capitale», ha dichiarato Ambrazevich.

Source: twitter.com/svaboda

Henadz Shutau, ucciso a Brest, è stato dichiarato colpevole e il testimone dell’omicidio è stato condannato a 10 anni di carcere

A Brest è stato emesso il verdetto contro il defunto Henadz Shutau che è stato colpito a morte alla testa durante le proteste dell’11 agosto, e contro il suo amico Aliaksandr Kardziukou testimone dell’accaduto.

La giudice ha ritenuto Shutau e Kardziukou colpevoli di resistenza violenta, e Kardziukou è stato inoltre ritenuto colpevole di tentato omicidio. Kardziukou è stato condannato a 10 anni in una colonia di massima sicurezza.

La corte ha riconosciuto come vittime i militari, che quella sera erano vestiti con abiti civili, ma per qualche motivo avevano con loro le armi e hanno sparato a Shutau.

Source: t.me/belarusseichas

Una donna durante la dispersione della marcia ha morso un agente delle forze dell’ordine ed è stata condannata a 8 mesi di prigione

Natallia Raentava ha morso un agente delle forze dell’ordine quando è stata tirata fuori con forza da un filobus, durante la dispersione di una marcia femminile. Oggi è stata condannata a 8 mesi di prigione. Il pubblico ministero ha insistito perché fosse incarcerata per due anni interi.

Il periodo di reclusione è considerato dal 29 settembre 2020, quindi Natallia ha altri 3 mesi da scontare.

Source: t.me/kyky_org

For more information on the events of 25 February 2021, please visit Infocenter Free Belarus 2020.